MTC Medicina Tradizionale Cinese e Fitoterapia

Medicina Cinese

La Medicina Tradizionale Cinese, spesso abbreviata nelle sigla MTC, è uno dei corpus medico-filosofici più antichi e più affascinanti del mondo. È una disciplina olistica molto complessa e distante dalle nostre concezioni culturali, ma che ha comunque fatto breccia nell’interesse dell’Occidente, da molto tempo a questa parte. In maniera riduttiva, concetti cardine della medicina tradizionale cinese sono: il Qi, il Tao, il rapporto fra Yin e Yang, i 5 elementi e le relative fasi e i meridiani. Tutte questi fattori sono in correlazione tra loro in una molteplicità di soluzioni differenti.

Lo stato di malattia proviene dalla perturbazione dell’equilibrio energetico. Se la prevenzione del soggetto e del medico non sono state sufficienti a ripristinare lo stato di benessere, la medicina tradizionale cinese può intervenire tramite diverse terapie, tra cui le più note sono la farmacologia cinese, l’agopuntura, il massaggio e la ginnastica medica, nelle forme note come Qi gong e Tai chi chuan.

La medicina tradizionale cinese nasce come una forma di medicina rurale e popolare, e nel tempo si contamina con diverse scuole filosofiche, come il taoismo e il confucianesimo. Lo sviluppo e la diffusione della medicina tradizionale cinese non possono prescindere dal leggendario Imperatore Giallo, Huangdi, che ne illustra i principi in un testo del IV sec a.C. Oggi la medicina tradizionale cinese riscuote un meritato successo anche in ambiti terapeutici tradizionali, sia in Asia che nel resto del mondo.

Alcune forme terapeutiche della medicina tradizionale cinese vengono di sovente associate alle terapie tradizionali. La medicina tradizionale cinese consente all’essere umano di rivestire il proprio ruolo all’interno del cosmo e di sentirsi tutt’uno con la natura di cui fa parte. I benefici della medicina tradizionale cinese sono rintracciabili nella corretta alimentazione e nelle diete bilanciate, nel rispetto dei cicli stagionali, nei benefici relativi all’esercizio fisico e alla ginnastica terapeutica, nel ripristino dell’energia sopita e nel corretto fluire della linfa vitale, nelle terapie antistress e antietà.

Anche la medicina tradizionale cinese può avere delle controindicazioni, relative alla terapia che si utilizza, a livello cutaneo se si parla di agopuntura e moxibustione, a livello tossicologico se si parla di farmacologia e vari altri effetti collaterali relativi alle tecniche di massaggio.

Per chi è utile la medicina tradizionale cinese

Chi si avvicina alla medicina tradizionale cinese è solitamente una persona curiosa, affascinata da concezioni altre rispetto al nostro sistema culturale o delusa dalle terapie della medicina convenzionale.

La medicina tradizionale cinese è concepita per un individuo interessato al benessere di corpo e psiche, considerati come un’unità fondamentale.

Fitoterapia

La fitoterapia consiste nell’utilizzo di erbe e piante o estratti di piante per la cura di malattie o per il generico mantenimento dello stato di benessere. Durante la loro evoluzione, le piante hanno sviluppato innumerevoli metaboliti secondari finalizzati alla preservazione della specie. Da un punto di visto farmacologico, questi stessi metaboliti si dimostrano parimente importanti nell’essere umano.

I benefici riconosciuti delle piante sono innumerevoli. Volendo riassumere sommariamente, la fitoterapia consente di utilizzare preparati con attività ormonoregolatrice, antimicrobica, antitossica, lassativa, antinfiammatoria e antiossidante.